• BLS

International day for Safety and Health at work

Morti sul lavoro e modalità di prevenzione


Troppe persone ogni anno vengono letteralmente uccise dal loro lavoro.

La preoccupante realtà legata alle malattie e agli infortuni professionali rappresenta un'urgenza sul piano politico, sanitario e aziendale, da gestire insieme a datori di lavoro e lavoratori per aiutare a ridurre la pressione sui sistemi sanitari, a riequilibrare il livello di produttività e a tutelare i redditi delle famiglie.

 

Che impatto hanno le morti sul lavoro?

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) insieme all'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) riporta che quasi 2 milioni di persone muoiono ogni anno per cause legate al lavoro che, secondo le stime OMS/OIL del Global Monitoring Report 2000-2016, sono dovute in maggior parte a malattie respiratorie e cardiovascolari.

L'esposizione a lunghe ore di lavoro rappresenta il rischio chiave, perché responsabile di circa 750.000 morti.

L'esposizione all'inquinamento atmosferico sul posto di lavoro (particolati, fumi e gas) è responsabile di 450.000 morti, il secondo maggiore rischio professionale individuato.

 

 

Il carico di malattie professionali attribuibili all'inalazione di particelle, gas e fumi è di 450.381 morti e 10.86 milioni di DALYs (Disability-adjusted life year, ovvero la misura della gravità complessiva di una malattia, espressa come il numero di anni persi a causa della stessa, per disabilità o per morte prematura).

Questi decessi e DALYs si verificano come risultato della malattia polmonare ostruttiva cronica, e sono diminuiti del 4,9% (da 473 725) e 1,8% (da 11,05 milioni), rispettivamente, dal 2000.

La proporzione di decessi professionali attribuibile all'inalazione di particelle, gas e fumi in 183 paesi per l'anno 2016 è del 23,9% dei decessi e del 12,1% dei DALYs totali.

 

In che modo possiamo fare prevenzione?

Per aiutare a ridurre significativamente questi decessi è necessario implementare i sistemi di sicurezza e salute sul lavoro per renderli forti, efficaci e sostenibili facendo riferimento alle norme internazionali sul lavoro e agli strumenti e alle linee guida dell’OMS/ILO.

Il Global Monitoring Report 2000-2016 stila per ogni fattore di rischio una serie unica di azioni preventive da praticare:

  • per la prevenzione dell’esposizione a orari di lavoro prolungati si richiede un accordo su sani limiti massimi dell’orario di lavoro;
  • per la riduzione dell’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico si raccomanda il controllo della polvere, la ventilazione e i dispositivi di protezione individuale (DPI).

In particolare, la prevenzione del danno da esposizione professionale a particolati, gas e fumi potrebbe essere raggiunta attraverso interventi che introducono controlli ingegneristici, come il filtraggio fisico o la segregazione della fonte di emissione, o l'applicazione di tecniche di ventilazione generale, locale e specializzata e di soppressione delle polveri.

Secondo il Global Monitoring Report i lavoratori di ogni settore sono esposti a rischio per inalazione di particolati, gas e fumi.

La broncopneumopatia cronica ostruttiva si verifica con una risposta infiammatoria anormale dei polmoni alle particelle nocive o ai gas.

 

Ognuno di noi ha la responsabilità di fermare le morti e gli infortuni sul lavoro.
Aiutaci a farlo.

 

Precedente
May events
Successivo
Sawo 2022

Articoli correlati

Marzo 29, 2022 Biological agents

Come classificare gli agenti biologici? In precedenza è stata presentata la natura degli agenti biologici, intesi come uno dei possibili fattori in grado di interferire negativamente sulla salute umana. Sapresti farne alcuni esempi? Tra questi microrganismi sono individuabili diverse tipologie, quali: batteri; funghi e virus; parassiti uni o pluricellulari; vettori animali utilizzati come ospiti intermedi. […]

Link
Febbraio 15, 2022 Hazard and risk compared

Sapresti definire la differenza tra un rischio e un pericolo? Prima di ricorrere a un dispositivo di protezione delle vie respiratorie, bisogna adottare tutte le misure atte a ridurre al minimo il rischio derivante dall’attività lavorativa.     Cosa si intende con rischio? Un rischio corrisponde all'eventualità di subire un danno, connessa a circostanze più […]

Link
Novembre 25, 2021 Campagna pubblicitaria 2021

Tutti hanno diritto a un lavoro sicuro La nostra campagna pubblicitaria 2021 è dedicata alla sicurezza sul luogo di lavoro, da sempre core business di BLS e da oggi non solo. Il 2021 ha obbligato tutti noi a fronteggiare una emergenza sanitaria globale, in cui la protezione respiratoria ha avuto un ruolo primario. Se fino […]

Link
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi aggiornamenti sui nostri eventi, le novità in catalogo e le prossime iniziative.
Iscriviti

Contattaci

Scrivici per ogni tua esigenza, ti risponderemo entro 48 ore.
Richiedi informazioni

BLS S.R.L.
Società a Socio Unico
via dei Giovi, 41 - 20032 Cormano (MI) - Italia
t/f +39 02 39310212 / 66200473
info@blsgroup.it
Privacy Policy - Cookie Policy

Sede Legale
via dei Giovi, 41 – 20032 Cormano (MI) - Italia
Capitale Sociale | Share Capital: Euro 600.000,00 i.v.
C.C.I.A.A. - R.E.A.: MI 1186898
Partita IVA | VAT N°: IT12296780153
C.F. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 07822320151

BLS IBERIA / Av. Pau Casals, 8 08182 Sant Feliu de Codines Barcelona - Spain
BLS NORTHWEST / Reeweg, 132 3343 AP H.I. Ambacht Rotterdam - The Netherlands
BLS DO BRASIL / Rua Alvarenga Peixoto, 307 05095-010 Sao Paulo - SP - Brazil
BLS GERMANY / Dünner Straße 249 D-41066 Mönchengladbach - Germany
BLS FRANCE / 18 Porte du Grand Lyon 01700 Neyron - France

crossmenucross-circle