• Articles

Micro-organisms

Micro-organismi


Il d.lgs. 81/2008 (art.267) definisce gli agenti biologici come "qualsiasi microrganismo anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni".

 

Sai cosa si intende per microrganismi?


I microrganismi sono “entità microbiologiche, cellulari o meno, in grado di riprodursi o di trasferire materiale genetico”; i microrganismi rientrano tra gli agenti biologici. Si tratta di organismi con dimensioni inferiori al millimetro, sia eucarioti (protozoi, funghi) sia procarioti (batteri, virus).

Per maggiori informazioni sugli agenti biologici leggi tutti gli articoli dedicati sul nostro blog: Agenti biologici, Classificazione degli Agenti biologici, Agenti biologici e trasmissibilità.

 

 

I microrganismi patogeni, in particolare, sono quelli indagati dalla microbiologia medica in quanto responsabili di infezioni e malattie a carico del corpo umano.

"Tuttavia, volendo considerare le fonti di pericolo biologico in senso più ampio, nella valutazione del rischio andrebbero considerati anche prodotti di origine vegetale o animale, ectoparassiti pluricellulari (per esempio zecche, zanzare, ecc.) e allergeni di origine animale e vegetale (acari della polvere, derivati epidermici animali, polveri di cereali, ecc.). Tale definizione include pertanto anche i parassiti." (Microrganismi - INAIL, 30/11/2012)

 

Quali sono le differenze principali tra queste entità microbiologiche?


Batteri e virus si differenziano in primo luogo per dimensione: 0.001 millimetri contro 0.000000001 millimetri dei virus.

Inoltre, se i batteri sono considerati organismi viventi e si autoriproducono, lo stesso non vale per i virus, i quali per propagarsi necessitano di un ospite e non sono considerati degli organismi viventi.

Diversi sono i metodi di contrasto:

  • una infezione batterica viene trattata con antibiotici ma non esistono vaccini utili.
  • una infezione virale viene trattata con antivirali ed è contrastabile tramite vaccinazioni.

 

 

Malattie causate da virus: raffreddore, influenza, vaiolo, morbillo, varicella, epatite, papilloma, herpes, poliomielite, rabbia, ebola, SARS, AIDS.

Malattie causate da batteri: colera, la difterite, la peste, la dissenteria, la poliomielite, la tubercolosi e anche il tifo.

Quando degli agenti patogeni entrano nel nostro organismo provocano una risposta aspecifica (che è uguale per ogni patogeno) con produzione di sostanze che richiamano cellule immunitarie che inglobano e uccidono i patogeni. Per prevenire il contagio da microrganismi patogeni è fondamentale adottare misure personali e di sanificazione periodica degli ambienti, oltre a indossare correttamente i DPI (dispositivi di Protezione Individuale).

 

Quali sono gli obblighi previsti per il datore di lavoro?


Tutte le realtà professionali intese per esercitare operazioni che comportano l’uso di agenti biologici – non modificati – dei gruppi 2 o 3 (in grado di provocare malattie) sono incaricate di fornire comunicazioni all’organo di vigilanza territoriale competente, tra cui la documentazione di valutazione del rischio:

a. Le fasi del procedimento lavorativo che comportano il rischio di esposizione ad agenti biologici;
b. Il numero dei lavoratori addetti alle fasi di cui alla lettera a.
c. Le generalità del responsabile del servizio di prevenzione e protezione;
d. I metodi e le procedure lavorative adottate, nonché le misure preventve e protettive applicate;
e. Il programma di emergenza per la protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione ad un agente biologico del gruppo 3 o del gruppo 4, nel caso di un difetto nel contenimento fisico.

 

Vengono anche elencate 7 attività che possono comportare la presenza di agenti biologici sul posto di lavoro, che possono cioè implicare il rischio di esposizione pur non operando direttamente con essi – o “uso deliberato”):

  1. Attività in industrie alimentari;
  2. Nell’agricoltura;
  3. Nelle quali vi è contatto con gli animali e/o con prodotti di origine animale;
  4. Nei servizi sanitari, comprese le unità di isolamento e post mortem;
  5. Nei laboratori clinici, veterinari e diagnostici, esclusi i laboratori di diagnosi microbiologica;
  6. In impianti di smaltimento rifiuti e di raccolta di rifiuti speciali potenzialmente infetti;
  7. Negli impianti per la depurazione delle acque di scarico.

 

La contaminazione microbiologica di ospedali e ambienti sanitari


Secondo un documento pubblicato da INAIL “le superfici hanno un ruolo preminente nella diffusione dei microrganismi in ambito nasocomiale”, ovvero in ambienti ospedalieri.

Riguardo alla contaminazione microbiologica negli ambienti lavorativi una pubblicazione indica che il 20/40% delle infezioni ospedaliere è attribuibile a infezioni trasmesse attraverso mani e/o guanti del personale sanitario.

Oltre all’aria che respiriamo, infatti, anche le superfici possono rappresentare dei veicoli di contaminazione microbiologica. In particolare, negli ambienti sanitari, risulta preminente il ruolo delle superfici nella diffusione dei microrganismi: esistono alcune proprietà specifiche degli agenti che ne facilitano la sopravvivenza nell’ambiente esterno al corpo umano.

 

 

Resta informato, resta al sicuro.

 

Articoli correlati

Gennaio 18, 2022 BLS FFP2

Facciali filtranti con classe di protezione FFP2 Scopriamo insieme le FFP2 senza valvola di BLS     Cosa sono? I facciali filtranti BLS senza valvola con protezione FFP2 sono adatti a proteggere dai particolati sia l'utente sia l'ambiente circostante e hanno un'efficienza filtrante minima del 94%. La protezione di questi dispositivi costituisce una barriera in […]

Link
Febbraio 10, 2022 Champions in safety | Yamaha Motor Racing Partnership

BLS Group è il nuovo partner ufficiale di Yamaha Motor Racing Il team Yamaha sceglie le maschere BLS per proteggere piloti e staff   Siamo orgogliosi di annunciare la nostra partnership con Yamaha Factory Racing e di proteggere i campioni del mondo di MotoGP e tutto il team.   BLS & Yamaha Motor Racing – […]

Link
Gennaio 1, 2021 Partnership Assosistema e Fondazione Politecnico

BLS apre il 2021 entrando a far parte di Fondazione Politecnico di Milano e aderendo ad ASSOSISTEMA Confindustria (nella Sezione “Sicurezza sul lavoro/Safety”): “Siamo orgogliosi di partecipare a due delle più importanti associazioni di categoria che ci supporteranno nel nostro percorso e ci permetteranno di essere sempre più posizionati e innestati nel territorio, per proseguire […]

Link
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi aggiornamenti sui nostri eventi, le novità in catalogo e le prossime iniziative.
Iscriviti

Contattaci

Scrivici per ogni tua esigenza, ti risponderemo entro 48 ore.
Richiedi informazioni

BLS S.R.L.
Società a Socio Unico
via dei Giovi, 41 - 20032 Cormano (MI) - Italia
t/f +39 02 39310212 / 66200473
info@blsgroup.it
Privacy Policy - Cookie Policy

Sede Legale
via dei Giovi, 41 – 20032 Cormano (MI) - Italia
Capitale Sociale | Share Capital: Euro 600.000,00 i.v.
C.C.I.A.A. - R.E.A.: MI 1186898
Partita IVA | VAT N°: IT12296780153
C.F. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 07822320151

BLS IBERIA / Av. Pau Casals, 8 08182 Sant Feliu de Codines Barcelona - Spain
BLS NORTHWEST / Reeweg, 132 3343 AP H.I. Ambacht Rotterdam - The Netherlands
BLS DO BRASIL / Rua Alvarenga Peixoto, 307 05095-010 Sao Paulo - SP - Brazil
BLS GERMANY / Dünner Straße 249 D-41066 Mönchengladbach - Germany
BLS FRANCE / 18 Porte du Grand Lyon 01700 Neyron - France

crossmenucross-circle