Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato
Clicca Qui
  • BLS Articles

Dust, mists and fumes

Polveri e nebbie


Le polveri e le nebbie costituiscono una delle classi di sostanze inquinanti per l’igiene del lavoro pericolose per le vie respiratorie. Con il termine “particolato” si identifica comunemente l’insieme di queste sostanze caratterizzate da una struttura chimico-fisica di tipo particellare, che si presenta sotto forma di particelle liquide (nebbie) o solide (fumi e polveri) sospese nell’atmosfera. L’insieme delle particelle sospese in atmosfera viene definito come PM (dall’inglese “Particulate Matter”, materiale particellare).

 

Come si formano queste sostanze?

Le singole particelle sono molto diverse tra loro per dimensione, forma, composizione chimica e processo di formazione.

Le nebbie sono microscopiche gocce che si formano mediante processi di nebulizzazione e condensazione. Le polveri si formano quando un materiale solido viene scomposto in minuscoli frammenti. I fumi si formano quando un materiale che a temperatura e pressione ambiente si presenta allo stato solido (ad es. un metallo) viene vaporizzato dall’elevato calore. Il vapore si raffredda velocemente condensando in particelle estremamente fini.

Il diametro di queste particelle è compreso tra 0,005 e 150 µm (lo spessore di un capello umano è di circa 100 µm).

All’interno di tale intervallo le polveri atmosferiche sono suddivisibili in:

  • particelle grossolane con diametro superiore a 10 µm;
  • particelle fini (PM10) con diametro inferiore a 10 µm;
  • particelle finissime (PM2,5) con diametro inferiore a 2,5 µm.

 

 

Tra le particelle solide  INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) individua tre tipologie di sostanze differenziandole come segue:

  • i fumi derivanti da processi di condensazione, combustione e vaporizzazione, che hanno composizione diversa dal materiale di origine e dimensioni inferiori al micron;
  • le polveri originate dall’azione meccanica su un corpo solido (macinazione, taglio, leviga-tura, ecc..) e di composizione generalmente analoga al materiale di origine, oppure derivate da processi di cristallizzazione di vapori sovrasaturi o processi di conversione gas-particella;
  • le fibre, di origine naturale o sintetica, consistenti in particelle di forma allungata la cui lunghezza è almeno tre volte superiore al diametro. La Who (World health organization, 1988) definisce fibre tutte le particelle che presentano una lunghezza maggiore di 5 µm e un diametro minore di 3 µm.

 

In che modo sono pericolose per la salute?

A causa delle ridotte dimensioni, i particolati tendono a rimanere sospesi nell’aria e ad essere respirati dai soggetti esposti quando sprovvisti di una protezione adeguata.

Al variare del diametro delle particelle inalate, variano anche i possibili effetti clinici.

  • Le particelle grossolane si fermano alle prime vie respiratorie.
  • Le particelle fini (PM10), dette anche polveri inalabili, penetrano nel tratto superiore delle vie aeree o tratto extratoracico (cavità nasali, faringe e laringe).
  • Le particelle finissime (PM2,5), dette anche polveri respirabili, possono giungere fino alle parti inferiori dell’apparato respiratorio o tratto tracheobronchiale (trachea, bronchi, bronchioli e alveoli polmonari).

 

Effetti clinici delle nebbie

I possibili effetti causati dall’esposizione alle nebbie includono:

  • Riniti, faringiti, laringiti, bronchiti;
  • Dermatiti irritative ed allergiche;
  • Tumori polmonari.

 

Effetti clinici dei fumi

Ecco alcuni dei possibili effetti acuti causati dall’esposizione ai fumi di saldatura:

  • Irritazione vie aeree superiori e bronchite;
  • Febbre da fumi di saldatura;
  • Broncopolmonite;
  • Edema polmonare.

 

 

Ecco alcuni dei possibili effetti cronici causati dall’esposizione ai fumi di saldatura:

  • Polmone del saldatore;
  • Tumori (polmonare, seni paranasali);
  • Gastrite cronica fino ad ulcera gastroduodenale.

Per saperne di più sui rischi alla salute respiratoria causati dalle operazioni di saldatura leggi il nostro articolo dedicato: Health risk work sectors – Welding 

 

La normativa vigente

La normativa vigente stabilisce convenzioni diverse a seconda che si tratti di rischi per i lavoratori o per la popolazione in generale.

Come cita INAIL in Conoscere il rischio – Altre polveri e fibre, infatti, “per prevenire o ridurre effetti nocivi per la salute umana e per l’ambiente nel suo complesso il d.lgs. 155/2010 (nonché la norma tecnica UNI EN 12341) fa riferimento a due convenzioni, denominate rispettivamente PM10 e PM2,5, dove PM sta per materiale particolato e i valori numerici indicano il diametro aerodinamico delle particelle (in µm) per un’efficienza di penetrazione del 50%."

La curva convenzionale del PM10 ha un andamento molto simile a quello della curva convenzionale toracica, mentre la curva del PM2,5 rappresenta una frazione molto sottile, ritenuta in grado di raggiungere gli alveoli polmonari nel caso della popolazione costituita da bambini o adulti infermi (il gruppo considerato “ad alto rischio”). I valori limite per la salute umana, definiti per il PM10 e il PM2,5 sono riportati nello stesso decreto legislativo (e nei successivi aggiornamenti), e rappresentano condizioni molto più restrittive di quelle consentite per l’esposizione nei luoghi di lavoro.

 

Resta informato, resta al sicuro.

 

Articoli correlati

Aprile 11, 2024 Safety guide: healthcare sector

BLS Safety Guide: Settore sanitario Guida realizzata dalla monografia redatta dal Dott. Antonio Moffa, dalla Dott.ssa Claudia Beccaria e dall’Ing. Lucrezia Giorgi dell’Unità di Terapie Integrate in Otorinolaringoiatria della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma.   Il settore sanitario occupa circa il 10% dei lavoratori nell’Unione europea ed è pertanto uno dei più grandi […]

Link
Giugno 23, 2022 2022-23 ADV Campaign teaser

Never Stop Breathing La qualità del vostro respiro è la base del nostro lavoro. Ecco perché ce ne prendiamo cura in ogni momento della vostra vita. Guarda questo video per scoprire il primo protagonista della nuova campagna ADV BLS, che ci accompagnerà per tutto il prossimo anno. Questo progetto di comunicazione nasce dai concetti sviluppati […]

Link
Maggio 3, 2022 May events | What's next

Eventi di maggio Scopri gli eventi BLS di questo mese   /FIERE/   17-19 maggio | PREVENTICA 2022 BLS esporrà nella città di Nantes in occasione di Preventica, un importante evento per tutti i leader del settore salute e sicurezza sul lavoro, che si terrà all'interno del Parc des Expositions de la Beaujoire nei giorni di […]

Link
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi aggiornamenti sui nostri eventi, le novità in catalogo e le prossime iniziative.
Iscriviti

Contattaci

Scrivici per ogni tua esigenza, ti risponderemo entro 48 ore.
Richiedi informazioni

BLS S.R.L.
Società a Socio Unico
via dei Giovi, 41 - 20032 Cormano (MI) - Italia
t/f +39 02 39310212 / 66200473
info@blsgroup.it
Privacy Policy - Cookie Policy

Sede Legale
via dei Giovi, 41 – 20032 Cormano (MI) - Italia
Capitale Sociale | Share Capital: Euro 600.000,00 i.v.
C.C.I.A.A. - R.E.A.: MI 1186898
Partita IVA | VAT N°: IT12296780153
C.F. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 07822320151

BLS IBERIA / Av. Pau Casals, 8 08182 Sant Feliu de Codines Barcelona - Spain
BLS NORTHWEST / Reeweg, 132 3343 AP H.I. Ambacht Rotterdam - The Netherlands
BLS DO BRASIL / Rua Alvarenga Peixoto, 307 05095-010 Sao Paulo - SP - Brazil
BLS GERMANY / Dünner Straße 249 D-41066 Mönchengladbach - Germany
BLS FRANCE / 18 Porte du Grand Lyon 01700 Neyron - France

crossmenuchevron-downcross-circle